Logo Canzoni

Ti pretendo

Cantata dalle ragazze di “Non è la Rai” come breve brano corale nella prima edizione del programma (91/92). Doppiate.

Cantata da Francesca Traversa a “Bulli e Pupe” (1992). Doppiata da Stefania Del Prete.

Cantata da Miriana Trevisan nella seconda edizione del programma (92/93), a “Rock & Roll” (1993) e successivamente ripresa nella terza edizione (93/94). La versione è esattamente la stessa di quella precedente, doppiaggio compreso. È contenuta nell’album Non è la Rai.

Cantata da Maria Teresa Mattei nella terza edizione del programma (93/94). La versione è esattamente la stessa di quella precedente, doppiaggio compreso.


Miriana Trevisan
Miriana Trevisan
facebookVideo tratto da Facebook
Maria Teresa Mattei
Maria Teresa Mattei
facebookVideo tratto da Facebook




Testo

Stanotte ti pretendo
ho diritto a te
dietro la luna mi nascondo
dimmi che lui non c’è

So che fra noi due più forte sei
sempre tu
ma dammi questa dolce morte
tanto non vivo più

Sento che ci stiamo cercando
è inutile che dici di no
stavolta a compromessi non scendo
sei l’unico diritto che ho

Ti pretendo
in nome dell’amore se c’è
stanotte vado fino in fondo
è troppo il mio bisogno di te

Io non ti voglio, ti pretendo
è inutile che dici di no
io questo amore lo pretendo
sei l’unico diritto, l’unico diritto che ho

Sento che ci stiamo cercando
è inutile che dici di no
stanotte siamo fuori dal mondo
se l’unico diritto che ho

Ti pretendo
in nome dell’amore se c’è
se tu mi guardi non rispondo
davvero non rispondo di me

Io non ti voglio, ti pretendo
è inutile che dici di no
io questo amore lo pretendo
sei l’unico diritto, l’unico diritto che ho

uuh ti pretendo
sei l’unico diritto, l’unico diritto che ho



Versione corale
Ti pretendo
in nome dell’amore se c’è
se tu mi guardi non rispondo
lo giuro non rispondo di me

Io non ti voglio, ti pretendo
è inutile che dici di no
io questo amore lo pretendo
è l’unico diritto, l’unico diritto che

Ti pretendo
è inutile che dici di no
io questo amore lo pretendo
è l’unico diritto, l’unico diritto che ho